Notizie

 

Norma Bruni: una “voce di carne” nell’Italia in guerra

Edizioni Nuova Cultura, Roma 2013

 

Clicca sulla copertina


Dotata di voce calda e originale, bellezza conturbante e personalità eccentrica e anticonformista, Norma Bruni (1913-1971) è stata la più acclamata diva della Canzone italiana durante gli anni drammatici della Seconda guerra mondiale.

Questo volume, pubblicato in occasione del centenario della sua nascita, ne ricostruisce la biografia, soffermandosi sia sugli aspetti più strettamente musicali, sia su quelli più curiosi della sua tormentata esistenza. Soprannominata “Divina Norma”, “Voce di velluto nero” o ancora “Voce di carne” per il suo modo particolarmente sensuale di cantare, Norma Bruni mandò in delirio un’intera generazione di radioascoltatori, per poi finire i suoi giorni dimenticata, nell’ombra dei ricordi.

«Quando una persona è nata con questa vocazione, con in corpo la voglia di cantare, dovrebbe morire prima di essere dimenticata. Morire appena gli altri non hanno più bisogno di lei» (Norma Bruni)

 

Manuel Carrera, storico dell’arte, si occupa prevalentemente di arti figurative in Italia tra XIX e XX secolo. Collabora con la cattedra di storia dell’arte contemporanea dell’Università “Sapienza” di Roma, dove sta conseguendo il dottorato di ricerca. È appassionato di cultura d’intrattenimento degli anni Trenta e Quaranta e in particolare di storia della musica “leggera”, tema a cui sta dedicando studi e iniziative.